Durante la guerra una spia si avvicinò al fortino del nemico, per scoprire la parola d’ordine per entrare nella roccaforte.

Vide il primo gruppo di soldati nemici avvicinarsi per entrare. Dall’interno la guardia disse “sei”, questi risposero “tre” ed entrarono. Così dopo di loro, in gruppo o singoli, altre truppe si avvicinarono ed entrarono liberamente.

Alla domanda “otto” risposero “quattro”, a “dodici” risposero “sei”, a “dieci” risposero “cinque” e così via …

A quel punto la spia si fece coraggio. Dopo aver indossato una divisa del nemico si avvicinò alla fortezza. La guardia disse “quattordici”, la spia rispose “sette” e venne immediatamente uccisa da colpi sparati da tutte le direzioni. Eppure lei era convinta di aver dato la risposta corretta.

Ma cosa avrebbe dovuto rispondere?

“Undici” sarebbe stata la risposta corretta …

Ora a voi capire il perché? E soprattutto indicare quanto questa storia insegna alla nostra storia …

 

La sequenza logica

E’ una storia logica che ha una regola non ordinaria di passaggio. Allena a cercare logiche oltre la logica, per coltivare un pensiero divergente. Detta fuori dalla storia, date le seguenti coppie

sei-tre, otto-quattro, dieci-cinque, dodici-sei, quattordici-undici

Quale è il legame che le unisce ?